Il Salento e i prodotti cosmetici bio a km0, Alessandra Stefano: «La mia mission è garantire alle generazioni future ciò che noi abbiamo ereditato»

Il Salento è la terra degli ulivi, della campagna, delle tradizioni ma non solo qui i prodotti sono quasi tutti a km0. Dalle tavole dei ristoranti, dei bar ma anche ai prodotti cosmetici naturali bio a km 0. Il nostro viaggio di oggi è scoprire proprio questo.

Foto da internet

Alessandra Stefano, consulente ambientale, presidente dell’associazione Green Life e fondatrice del marchio di cosmetici naturali ha risposto ad alcune nostre domande.

Ciao Alessandra perché scegliere un prodotto cosmetico naturale?

«Si sceglie un prodotto naturale per la qualità e la conoscenza delle proprietà delle materie prime»

I prodotti naturali da dove nascono, cosa utilizzi per renderli tali?

«I prodotti naturali nascono, dal rispetto che si pone nei confronti dell’ambiente»

Vivendo in una terra come il Salento produci prodotti a km0 quindi?

«Assolutamente si. La scelta dei prodotti territoriali è meno impattante dal punto di vista della sostenibilità ambientale. Il recupero delle risorse diversamente destinate allo smaltimento è una delle azioni che ogni giorno metto in atto»

Sei anche consulente ambientale, di cosa ti occupi?

«Si, di strutturare dei protocolli di gestione ambientale. Al fine di poter ottimizzare al meglio le risorse a nostra disposizione e limitare lo spreco e i conferimenti in discarica»

Cosa ti auguri in futuro con il tuo progetto ambientale?

«La mia mission deriva dalla definizione di sviluppo sostenibile. Garantire alle generazioni future di godere di ciò che noi abbiamo ereditato. I nostri figli hanno bisogno del nostro supporto. L’esempio che faccio sempre è questo. Avere cura del proprio figlio non significa solo mettere cappello e sciarpa prima di uscire da casa, ma per me significa preparare una merenda sana, educarlo al rispetto per l’ambiente e per il prossimo, includere nella loro quotidianità piccole azioni virtuose che rientrano in quella definizione di sviluppo sostenibile».

Total
1
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Article

Ripartono da Squinzano le feste patronali e nasce l’associazione “Squinzano in festa”

Next Article

“Insieme per Sant’Oronzo” al via la raccolta fondi per restituire alla città la Statua del Santo Patrono

Related Posts
Total
1
Share