Valanga di insulti anche sessisti nei confronti della cantante salentina dopo le dichiarazioni fatte a favore dei migranti.

Emma però non si fa intimidire e ribadisce il concetto: “Mi è stato insegnato il rispetto e l’altruismo verso chi è più bisognoso”.

Una valanga di critiche e insulti ha sommerso Emma a poche ore dalla sua dichiarazione a favore dell’accoglienza dei migranti, contro la politica del Governo giallo-verde.

Il suo “Aprite i porti!”, urlato dal palco dell’Essere Qui Tour non è piaciuto ai sostenitori della politica di Salvini, sostenitori delle frontiere chiuse e dei respingimenti.

A destare preoccupazione soprattutto il tenore dei commenti sui social, ben oltre il buon gusto, sfociati nella maggior parte dei casi nell’insulto sessista e volgare. “I porti? Emma apri le cosce”, uno dei tanti commenti contro la cantante, costato poi l’espulsione dal partito all’autore, un consigliere leghista. 

Ma Emma non si lascia intimidire nè zittire. Replica duramente ribadendo il concetto:

“In questi giorni ho letto molto articoli molto polemici sul fatto che io dica questa frase dal mio palco, ma Aprite i porti è quello che penso io. Per me non significa andare contro questo o quel politico, ma significa essere nata e cresciuta in una famiglia in cui mi è stato insegnato il rispetto e l’altruismo verso chi è più bisognoso”

ha spiegato la cantante, che continua:

“Mi rivolgo ai giornalisti: io capisco che per avere click sui vostri siti avete bisogno di far nascere polemiche e sporcare anche il pensiero positivo che un artista cerca di mandare dal proprio palco. Fin quando avrò un palco sotto il culo dirò sempre ciò che penso, sempre. Anche se questo significa andare contro di me e perdere qualcuno per strada”.

Per poi concludere:

“A trentacinque anni, sono una cittadina italiana, esiste la libertà di pensiero e di parola e continuerò a dire quello che penso. E scrivetelo adesso l’articolo”.

Per fortuna, sui social oltre all’odio gratuito e alle critiche, ci sono anche tantissimi commenti di solidarietà per Emma.

Noi siamo dalla parte di Emma, viva le persone che hanno un pensiero proprio e che soprattutto non hanno paura di esprimerlo. Tutto il nostro sostegno e il nostro appoggio quindi ad Emma.

Un pensiero su “Emma Marrone, post sessista di un consigliere leghista: lei replica: «Mi è stato insegnato il rispetto e l’altruismo verso chi è più bisognoso».”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *