“Pezzo di Cuore”, il porto sicuro di Emma e Alessandra Amoroso – La Recensione

Quando la musica e l’amicizia si incontrano non può che uscirne qualcosa di magico: è quello che è successo ad Emma Marrone e Alessandra Amoroso che, senza decisioni prese a tavolino, hanno dato vita ad un vero e proprio “Pezzo di Cuore”.

Questo duetto è uno dei più attesi degli ultimi 10 anni, tra due delle voci femminili più seguite del panorama musicale italiano ed internazionale, che porta la firma di Davide Petrella, con la musica di Dardust.

Il testo della brano è perfettamente cucito su misura sia per Emma che per Alessandra, ed è un dialogo tra due donne, due amiche, due artiste, con due percorsi e due personalità completamente agli antipodi, ma entrambe sempre alla ricerca della verità delle loro emozioni.

Alessandra Amoroso ed Emma Marrone

La forte sintonia tra le due artiste salentine la si sente già dalle prime note al pianoforte del brano: “Pezzo di cuore” diventa il porto sicuro per Emma e Alessandra, che cantano, (e lo fanno egregiamente), in una sorta di ritorno alle origini per le due artiste salentine, che ritrovano la propria zona di comfort, rendendola ancora più comoda per chi ascolta, in un brano che sembra cucito addosso ad entrambe.

Il brano è un dialogo tra due donne che si stimano davvero e che si vogliono bene e che, dopo varie incomprensioni avute nel percorso della vita, si sono ritrovate ancora più forti di prima: una ballad romantica e senza tempo, che arriva al momento giusto delle carriere di entrambe, rendendole giustizia. Emma e Alessandra si raccontano, fino ad incontrarsi e stringersi in un abbraccio finale, come quello della copertina del singolo realizzata da Chiara Mirelli, cantando all’unisono: «Ora che abbiamo imparato l’amore, Ora che abbiamo imparato l’amore… Non so smettere».

La copertina del brano

In fondo, il singolo è un po’ un regalo per chi ama la buona musica e per tutti coloro che aspettavano questo duetto da 10 anni. Un po’ tutti l’abbiamo aspettato, così come si aspettava Babbo Natale dormendo (ma con un occhio semiaperto per paura di perdere l’arrivo dell’omone che porta i regali) la notte del 24 dicembre.

Testo del singolo “Pezzo di Cuore”

Tra una chiamata e un mal di testa

Ti lascio scivolare via

Scappiamo via sempre di fretta

Che brutta questa frenesia

Lasciami entrare un po’ di luce in casa

Oggi neanche mi difendo

Sempre gli stessi errori

Dove c’era il mare adesso è solo fango

E come un valzer la domenica in periferia

Tra le campane e le sirene della polizia

C’è una bambina che abbraccia sua madre

Che sembra la mia

Mi sento come un manichino dentro una vetrina

Non sa di miele questa vita forse di aspirina

E ho provato a imparare l’amore

Ma è sempre cosi

Non riesco a capire

Cos’è

E quanto tempo ci vuole

Per abbracciarsi la notte

In strada anche se piove

Senza chiedere mai

Senza capire mai

Senza capire

Ti ho dato un pezzo di cuore

Mi prendo tutte le colpe

Io ci ho provato a imparare l’amore

Ci ho provato a imparare l’amore

Ma è più forte di me

L’incenso che avvolge la stanza

Sembra una nebbia di città

Mi sveglia un autobus che passa

Ripenso a qualche sera fa

Quando mi urlasti

“Ragazzina oggi proprio non ti sto capendo”

Sei sempre bravo tu a ferire

Quante inutili parole al vento

Ancora le sento

E quanto tempo ci vuole

Per abbracciarsi la notte

In strada anche se piove

Senza chiedere mai

Senza capire mai

Senza capire

Ti ho dato un pezzo di cuore

Mi prendo tutte le colpe

Io ci ho provato a imparare l’amore

Ci ho provato a imparare l’amore

Ma è più forte di me

E tu, e tu mi sembri

Più confusa di me

E tu, e tu

Dicevi è sempre cosi

E tu, e tu

Ancora mille domande

Ma non feriscono più

E quanto tempo ci vuole

Per abbracciarsi la notte

In strada anche se piove

Senza chiedere mai

Senza capire mai

Senza capire

Ti ho dato un pezzo di cuore

Mi prendo tutte le colpe

Ora che abbiamo imparato l’amore

Ora che abbiamo imparato l’amore

Non so smettere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *