Jimmy Sax: «Ai miei spettacoli vieni in teatro camminando, esci ballando» – INTERVISTA

Si è esibito ieri sera, 12 marzo, nella splendida cornice del Teatro Politeama Greco di Lecce, fenomeno nato sul web, poi capace di imporsi in tutto il mondo della musica internazionale, Jimmy Sax è attualmente il sassofonista più famoso al mondo.

Autore dei successi mondiali “No man no cry (certificato ORO in Italia) e “Time, carismatico performer che con il suo sound vivo ed energico riesce a travolgere chiunque lo ascolti, accompagnandolo in un emozionante viaggio che spazia tra sonorità deep-house, funky ed electro… svelando così tutte le sfumature che caratterizzano il suo mondo sonoro cosmopolita.

Jimmy Sax – FOTO UFFICIO STAMPA

Accompagnato da The Symphonic Dance Orchestra, diretta dal Maestro Vincenzo Sorrentino, virtuoso pianista e direttore artistico e autore di colonne sonore per il piccolo e grande schermo, Jimmy Sax ha catturato il pubblico italiano con un repertorio inedito, dimostrando come il sassofono sia a tutti gli effetti un’estensione del suo stesso corpo.

È la sua prima tournée nei teatri italiani. Come ci si sente a esibirsi in posti così speciali?

«È sempre fantastico esibirsi in questi luoghi, e Lecce, secondo me, ha uno dei migliori teatri! Atmosfera eccitante!»

In pochi anni è riuscito ad affermarsi in tutto il mondo della musica internazionale, ed è attualmente uno dei sassofonisti più famosi al mondo. Che rapporto ha con il nostro Paese?

«Beh, il sax è più che uno strumento per me. Fa davvero parte della mia vita, anche se ho iniziato in una band e sono in grado di suonare anche la batteria, ho scoperto che questa è la chiave per esprimere i miei sentimenti. Il rapporto con l’Italia è semplicemente fantastico, sicuramente è il mio mercato principale fino ad oggi: il mio manager è italiano, passo molte settimane qui per gli spettacoli, nient’altro che amore per la vostra bellissima contea in tutti i modi».

Cosa dobbiamo aspettarci da un suo live? Quanto le è mancato tornare a suonare dal vivo?

«I miei spettacoli dal vivo sono una perfetta combinazione del mio percorso nel corso della carriera musicale, per fortuna abbiamo incontrato questo straordinario maestro Sorrentino e abbiamo lanciato l’orchestra di danza sinfonica. È un’esperienza completamente nuova per noi sul palco e, naturalmente, per il pubblico. Non puoi perderlo… e si, non potevo stare lontano dal rapporto con i miei fan, infatti durante la pandemia sono riuscito a suonare tutti i sabati sul mio canale YouTube: dare amore e ricevere amore dal pubblico mi ha aiutato un sacco».

“Jimmy”, il suo primo album, è un mix di suoni molto vario. Ti piace vagare ed esplorare nuovi suoni?

«Jimmy è intimo ma anche un vero ritratto della mia sensibilità multipla attraverso la musica, ci sono temi elettronici e ballad, nel concerto mettiamo anche un tocco classico e ever green. Vieni in teatro camminando, esci ballando!»

Chi sono i suoi punti di riferimento? Cosa vuole raccontare con le sue canzoni?

«Amo tutta la buona musica, amo tutti i gruppi rock così come i compositori di colonne sonore di film, non posso davvero dire un nome. C’è anche qualche altro italiano che amo, per esempio Zucchero».

Ci sono artisti italiani con cui vorrebbe collaborare in futuro?

«Certo sarebbe un sogno suonare il sax nella sua canzone (Zucchero, ndr) o commercializzarne una nuova! Un sogno puro per me».

JIMMY SAX – FOTO UFFICIO STAMPA

Intervista a cura di Costanza Rainò e Vincenzo Casilli

Total
6
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Article

Il Lecce non va oltre al pari al Via Del Mare. Spiccano Strefezza, Hjulmand e Rodriguez

Next Article

Sono 4.422 i nuovi casi Covid: la provincia di Lecce sfiora i 1.500 contagi si riconferma la provincia con il maggior numero di casi

Related Posts
Total
6
Share