Giovanni Santese: «In primavera il nuovo album, mi ispiro al cantautorato italiano»

Dall’11 novembre 2022 è disponibile su tutte le piattaforme di streaming digitale e in rotazione radiofonica “Questo amore”, il nuovo singolo di Giovanni Santese che anticipa il nuovo album di inediti.

Questo amore” è un brano che riporta l’amore ad una dimensione umana, celebra l’incontro e lo scontro, il consueto e lo straordinario, è un canto che toglie, ma che togliendo aggiunge un qualche cosa di più. Gli attimi che non abbiamo per dirci quanto ci amiamo, gli attimi sprecati nelle noie quotidiane, il tempo dedicato a desiderare sempre qualcosa di più.

Abbiamo intervistato il cantautore pugliese.

Ciao Giovanni, benvenuto su Salento News. “Questo Amore” è il tuo nuovo singolo. Come è nato il brano?

La canzone è autobiografica, intima ed è una vera canzone d’amore. Ne scrivo tante d’amore, però questa è venuta così. Volevo portare l’amore alla quotidianità di tutti, sappiamo che l’amore richiede impegno, sacrificano e ogni giorno c’è qualcosa che ti spinge ad andare avanti”.

Foto Ufficio Stampa

Del brano dici “Questo amore cancella secoli di poesia alle storie d’amore ma ricambia con attimi di verità”. In un rapporto è più importante una mezza verità o un’intera bugia?

Io sono totalmente per la verità, non vedo compromessi: un rapporto deve essere sincero e le mezze verità o le bugie vengono fuori in qualche modo prima o poi. Se si sceglie di stare con una persona si sceglie perché si sta bene, soprattutto di questi tempi perché se ne sentono ogni giorno tant’è, ci si lascia ormai alla quotidianità. Secondo me bisogna lottare e avere un elemento fondamentale in tutto ciò il sacrifico perché se abbiamo deciso di stare con una persona e perché infondo ci teniamo e l’amiamo

A chi ti ispiri con la tua musica?

“Io vengo dalla musica italiana, dai cantautori. Ascolto di tutto però quello che mi spinge a scrivere è la musica cantautoriale. Non sto qui a citarli perché sono tantissimi”

Quando è nata la passione per la musica?

“Ho iniziato a scrivere ai 15 anni, il primo disco è uscito nel 2014 poi nel 2017 l’altro e ora uscirà quest’ultimo nel 2023. Sono tornato al mio nome di battesimo i primi due dischi avevo un altro nome d’arte “Non Giovanni”

Foto Ufficio Stampa

Ha preso parte allo storico concerto del Primo Maggio di Taranto davanti a 100.000 presenze insieme a Fiorella Mannoia, Afterhours e Vinicio Capossela. Come è stata quell’esperienza?

“Sicuramente qualcosa di diverso da un concerto in un club, l’adrenalina di tanta gente si può solo provare non si può spiegare, è stata una bellissima esperienza. Mi ha fatto capire che è più facile suonare in mezzo a tante persone rispetto che davanti a 10 persone”

“Questo Amore” anticipa il nuovo album di inediti. Cosa dobbiamo aspettarci?

“Il disco ha nel suono quello che volevo quello che mi serviva e prodotto da Taketo Gohara, è molto vario tratta veri temi. Questi singoli che sono usciti come “Milano” e “Questo Amore” hanno il tocco d’amore, gli altri brani toccano i vari temi. Il titolo del disco non l’ho anticipato a nessuno, ma il disco uscirà a primavera. Lo venderemo ai concerti durante il tour che inizierà a gennaio e solo al concerto si potrà ascoltare per la prima volta l’intero album. Ci stanno anche date in Puglia, anche a Lecce ma ancora non abbiamo la conferma delle date”.

Total
1
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Article

La cantautrice salentina Chiara Spedicato domani 2 dicembre con lo speciale showcase

Next Article

Lecce, ecco i primi due test amichevoli

Related Posts
Total
1
Share