A Taviano la presentazione del libro di Stefania Papa “Come il mare”

Come il mare è il nuovo libro di Stefania Papa, e arricchisce la collana Gli Specchi di Narciso di Graus Edizioni. Il testo – commovente, sincero e struggente – consegna ai lettori la testimonianza personale e al contempo collettiva dei tristi giorni della pandemia, tra paure e speranze.

Come il mare aiuta a capire meglio e a ripercorrere, con vivo trasporto, la situazione nazionale e locale nello specifico (il Salento, luogo di ambientazione del romanzo) nella prima fase della pandemia, nel 2020. È un testo che cattura il lettore, grazie all’inserimento di alcuni episodi personali, descritti con grande umanità, e la spiccata empatia dell’autrice nei confronti di chi soffre.

La presentazione avverrà giovedì 15 dicembre alle ore 18:30 presso Sala Ria di Palazzo Marchesale a Taviano (LE). I saluti istituzionali saranno a cura del Sindaco di Taviano, GiuseppeTanisi e del Vicesindaco Avv. Serena Stefanelli. Dialoga con l’autrice la Dott.ssa Novella Pepe, Dirigente scolastico dell’Is. Comprensivo Statale Nardò Polo 1.

Il libro

Come le onde del mare aggrediscono lo scoglio e nel tempo lo rendono sempre diverso, lasciando dei solchi visibili nella roccia dati dall’acqua, così i nostri cuori e le nostre anime non potranno mai tornare a essere come erano prima…”. La pandemia, che ci ha sorpresi e travolti nel marzo 2020, è al centro di un libro intenso e struggente. Un diario personale che diventa documento storico collettivo e che nasce dal bisogno di raccontare e di raccontarsi. Stefania Papa registra i fatti che accadono, con sincerità e trasporto, soffermandosi, in particolar modo, sugli effetti psicologici devastanti di questo evento, che ha impedito soprattutto ai bambini di socializzare e di crescere in un ambiente sano per molti mesi. Dopo le incertezze iniziali e le mille paure, il percorso di accettazione dell’autrice porta al riconoscimento di un cambio definitivo e radicale nella vita quotidiana, vissuto con tenacia, perché “ciò che permette di andare avanti quando niente va bene non è l’amore per la vita, ma il coraggio e la speranza del domani”. Tra dubbi, angosce e attese, il mare diventa allora metafora del nostro continuo Divenire. Sfidando gli ostacoli, il dolore e il tempo. Nel segno della resilienza. Un testo che ci invita a riconsiderare la nostra esistenza, cercando nuove prospettive e dando valore alle cose che davvero contano.

Foto Ufficio Stampa

L’autrice

Stefania Papa nasce a Legnano. All’età di dieci anni si trasferisce nel Salento, in un paesino vicino Gallipoli. Consegue la laurea in Scienze Pedagogiche presso l’Università del Salento e inizia a lavorare come pedagogista ed educatrice in diverse comunità riabilitative psichiatriche e in numerosi centri per minori. La sua attenzione e il suo impegno sono rivolti soprattutto al mondo dei bambini, che considera una riserva preziosa e una occasione salvifica per migliorare la società.

Total
6
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Article

Cosa resta – semifinali mondiali in Qatar

Next Article

Pif presenta “La disperata ricerca d'amore di un povero idiota” alle Officine Cantelmo di Lecce

Related Posts
Total
6
Share